Promagnetin – Recensioni Vere 2020, Farmacia, Prezzo e Funziona?

Promagnetin - Recensioni Vere 2020, Farmacia, Prezzo e Funziona?

Promagnetin è una sorta di plantari terapeutici che agiscono sulle parti attive del piede. La pressione dei punti attivi sul piede è un metodo popolare da molti secoli nell’antica Cina. L’uso di trattamenti di digitopressione permette di comprimere i punti appropriati sul corpo, in modo da poter alleviare il dolore che si verifica in altre parti del corpo. Sono i piedi che costituiscono il posto speciale sulla mappa del corpo, è su di essi che si trovano i punti sensibili che collegano le parti del corpo. Pertanto, affinché il trattamento sia efficace, la pressione deve essere sufficientemente forte e diretta verso le parti appropriate del piede. I plantari magnetici sono intelligenti e colpiscono malattie specifiche. Il loro massaggio curativo può essere applicato in qualsiasi momento della giornata, al lavoro, seduti a una scrivania o in piedi.

Come funziona Promagnetin?

I plantari di promagnetina funzionano per mezzo della magnetoterapia sui recettori situati sui piedi. È noto da centinaia di anni che sono responsabili di tutte le capacità di riparazione e rigenerazione del corpo. Il campo magnetico prodotto dalla promagnetina penetra nel corpo e raggiunge ogni cellula. Soprattutto, influisce sulle strutture delle membrane. L’effetto di questo processo è quello di accelerare lo sviluppo del tessuto connettivo, aumenta l’assorbimento di ossigeno da parte dei tessuti, ha un effetto antinfiammatorio, antiedemigeno e allevia il dolore.

Mentre si cammina, gli inserti di promagnetina influenzano positivamente tutte le parti del corpo. La loro azione si basa su tre fasi:

  • nella prima fase: gli inserti supportano la penetrazione del campo magnetico nei tessuti doloranti e aiutano a fermare gli impulsi di dolore nelle cellule. Di conseguenza, le cellule vengono ossigenate e le tossine vengono rimosse. Il segnale del dolore viene spento dalla vibrazione del campo magnetico. Riduce il dolore, soprattutto quello ai piedi e alle ginocchia. La prima fase dell’azione dei tamponi di Promagnetin aiuta a migliorare le condizioni generali del corpo, il corpo acquisisce nuove capacità di auto-riparazione.
  • Nella seconda fase: l’azione magnetica della promagnetina porta a sostenere la guarigione delle condizioni infiammatorie e all’eliminazione dei disturbi di accompagnamento, in particolare i problemi della pelle, l’ipertensione, l’emicrania, il lavoro improprio del sistema digestivo e anche – problemi respiratori. La gestione ormonale del corpo è sostenuta – influenza la riduzione dello stress, porta all’eliminazione dei dolori dell’emicrania. Gonfiore, gonfiore e ipersensibilità possono scomparire. I problemi principali – cioè dolori alle spalle, alla schiena, alle ginocchia, alle articolazioni e alla sciatica – vengono esposti e rimossi. Il corpo ha la possibilità di rigenerarsi più velocemente e in modo più efficiente, può migliorare l’immunità complessiva.
  • nella fase tre: si esprime la capacità di riparazione del corpo. Gli effetti dell’inserto favoriscono l’accumulo a livello cellulare. Il passaggio dell’intero processo permette una relativa stabilizzazione della vita senza dolore.

I plantari per il massaggio con promagnetina sono consigliati per le persone con problemi circolatori, prevengono anche le impronte della pelle e le ustioni, riducono la sensazione di affaticamento del piede. Si adattano bene alle scarpe, si adattano a qualsiasi tipo di scarpa. Hanno uno spessore di circa 3 mm. Devono essere inseriti nella scarpa con il fondo traforato.

Sperimentazioni cliniche

Promagnetin - Sperimentazioni cliniche

Lo studio ha dimostrato che gli inserti di promagnetina sono molto efficaci nell’alleviare il dolore e nel ripristinare l’omeostasi naturale. Già dopo una settimana, le persone con dolori articolari hanno registrato un notevole miglioramento delle loro condizioni. Inoltre, i sintomi mentali, come malessere, stanchezza o nevrosi, sono scomparsi.

Dopo circa due settimane, sono state registrate emicranie e altri mal di testa di causa sconosciuta. Alla fine dello studio i mal di testa sono diminuiti o sono completamente scomparsi nel 92% dei volontari. Gli inserti di promagnetina si sono dimostrati efficaci nel 97% dei casi di artrite, dolori articolari e spinali.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Gli inserti non causano effetti collaterali, sono completamente sicuri da usare. Sono ipoallergenici e profilati in modo da non causare impronte, ustioni o contusioni durante la camminata. Tuttavia, se vi sentite a disagio dopo aver montato le chiocciole – assicuratevi di montarle secondo le istruzioni tagliando i bordi sporgenti.

Il campo magnetico che interessa il corpo umano non è rilevabile. Gli inserti di promagnetina non devono provocare disturbi, formicolii, sensazioni di calore o eccessiva sudorazione.

I plantari in promagnetina sono progettati per gli adulti e non dovrebbero essere utilizzati da bambini o da persone con piedi più piccoli della deviazione standard della misura del piede di un adulto (cioè meno di 33-34). Non sono inoltre adatti a persone con piedi molto grandi (sopra la taglia 50).

Pareri su Promagnetina

“Gli inserti di promagnetina mi sono stati raccomandati da mio cugino. Sapeva benissimo che soffrivo di dolore da diversi anni, il che mi ha fatto ritirare quasi completamente dalla mia vita sociale. Durante questi anni ho trascorso la maggior parte del mio tempo a casa e nella successiva riabilitazione e terapia fisica.

Ho provato gli inserti magnetici perché non ho visto alcuna controindicazione che potesse fermarmi. Erano molto comode, si adattavano a tutte le mie scarpe. Non hanno fatto sudare le cime, non sono scivolate, non ho sentito l’odore sgradevole che a volte appariva dopo aver usato altre solette. La prima differenza di comfort che ho sentito è stata meno di una settimana dopo l’inizio della terapia con i plantari magnetici. Di solito mi svegliavo più volte durante la notte a causa di dolori spinali cronici, ma poi, per la prima volta dopo tanto tempo, riuscivo a dormire tranquillamente la notte. Dopo due settimane potevo tranquillamente andare in giardino, e dopo tre settimane ho iniziato a lavare i letti, cosa che non facevo da anni. Alla fine, tutto il dolore è scomparso dopo meno di un mese, ma profilatticamente ho indossato inserti magnetici di promagnetina fino ad ora, per due anni. Posso scrivere con la coscienza pulita che non mi sentivo meglio da quando ero giovane”.

Dolore alla gamba – cause

Promagnetin

Il dolore alla caviglia può essere causato da molti fattori, può verificarsi come risultato di una lesione meccanica alla caviglia (contusioni, distorsioni, lussazioni, fratture alla caviglia), ma può anche essere associato a condizioni gravi come il morbo di Haglund o insufficienza venosa (possono verificarsi dolori alla caviglia e al tallone o dolori alla caviglia e al polpaccio). Come viene diagnosticato il dolore nella zona della caviglia? Qual è il trattamento e la riabilitazione del dolore alla caviglia?

Il dolore al piede e alla caviglia è attualmente un problema abbastanza comune tra i pazienti. L’impatto negativo sulla qualità della vita ci costringe a cercare un trattamento efficace. Le cause del dolore alla caviglia possono essere suddivise come segue:

  • sono il risultato di una lesione in quest’area,
  • sono legate a disfunzioni di aree più lontane del sistema locomotore,
  • possono essere associati a malattie esistenti.

Diagnostica

La diagnosi del dolore alla caviglia si basa sull’esame fisico. Se c’è una lesione alla caviglia, è obbligatorio controllare l’ematoma e il gonfiore. Segue la palpazione all’esterno e all’interno dello stinco. La caviglia e il piede vengono poi esaminati, controllando la tenerezza al tatto. Successivamente, si controllano le capacità motorie delle singole articolazioni (caviglia-tallone, tibia-articolazione, caviglia inferiore e superiore), raccomandando al paziente, ad esempio, di eseguire la flessione dorsale e della suola e altri movimenti. Il protocollo di procedura suggerisce quindi di verificare la capacità del paziente di caricare il piede. Infine, il medico esegue alcuni test clinici. Questi includono il test del cassetto frontale, il test Talar-Tilt, il test di rotazione esterna e il test Squeeze. Molto importante è la presenza di un possibile ematoma, gonfiore, tenerezza palpabile e il risultato del test del cassetto anteriore.

Per escludere una frattura alla caviglia, viene eseguita una radiografia. Un buon segno nell’escludere una frattura alla caviglia è la possibilità di andatura. Per analizzare lo stato dei legamenti (ad es. legamento triplo, sagittale, caviglia-legamento di salto della caviglia, legamento di salto della caviglia), viene eseguito un esame ecografico dell’articolazione della caviglia. La necessità di una maggiore precisione impone l’uso della risonanza magnetica e della tomografia computerizzata.

Trattamento

Il danno allo stabilizzatore della caviglia richiede:

  • l’uso dell’immobilizzazione,
  • procedure di miglioramento ,
  • o un trattamento invasivo sotto forma di chirurgia (molto meno spesso).

Per consentire la rigenerazione, creare condizioni di guarigione ottimali e ripristinare i rapporti anatomici, si utilizzano forniture ortopediche sotto forma di stabilizzatori montati. Durante questo periodo si raccomanda anche di seguire il protocollo RICE (riposo, ghiaccio, compressione, elevazione), cioè un insieme di diverse azioni volte ad abbreviare il periodo di recupero. Ciò significa riposare, alleviare lo sforzo sull’arto, raffreddare la caviglia se necessario, comprimerla e mantenerla al di sopra del livello del corpo per un periodo di tempo adeguato per ridurre il gonfiore – questo è il trattamento domiciliare per il dolore alla caviglia. Il periodo di recupero dura di solito circa 8 settimane.

Il dolore alla caviglia (dolore alla caviglia) può richiedere l’uso di analgesici farmacologici. Oltre agli analgesici, la riabilitazione può essere molto utile nel trattamento del dolore alla caviglia. Il fisioterapista può consigliare procedure che accelerino la rigenerazione delle strutture danneggiate, riducano il gonfiore e abbiano un effetto antidolorifico. Le principali aree di trattamento comprendono l’esposizione ad un campo magnetico alternato – magnetoterapia o terapia laser.

Le procedure chinesiterapiche utilizzate nella terapia del dolore alla caviglia comprendono il ricamo a secco, il massaggio, la terapia fasciale o vari tipi di terapia manuale. Se possibile, vale la pena di pensare ad un’applicazione con l’uso di rubinetti di chinesiologia (kinesiotaping). Questo spesso aiuta a ridurre il gonfiore, a ridurre il dolore, a migliorare il rendimento e quindi a migliorare la stabilità delle articolazioni. Anche gli unguenti per le caviglie portano buoni risultati. Il passo successivo è quello di allenarsi e scegliere le scarpe da corsa giuste.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *